Recensione: Nati Sotto La Stessa Stella di Alessandra Angelini


TITOLO: Nati sotto la stessa stella
AUTORE: Alessandra Angelini
EDITORE: Newton Compton
PREZZO CARTACEO: € 9,90
PREZZO EBOOK: € 1,99
PAGINE: 413
GENERE: Romance
DATA DI PUBBLICAZIONE: 25 gennaio 2018
ISBN: 9788822713414
VALUTAZIONE: ♥ ♥ ♥ ♥ ♥

TRAMA

Se ami qualcuno devi inseguirlo – Bad Attitude Series

Amelia studia medicina all’università di Bologna, ha un rapporto conflittuale con i suoi genitori ed è abituata a fuggire dai problemi. Fan e amica della band del momento, i Bad Attitude, ha una storia altalenante con il cantante. A sostenere Amelia ci sono le sue anche, Isabella e Caterina, ma soprattutto Nico, il bassista del gruppo. Amelia è sempre in cerca di emozioni che le facciano battere il cuore, mentre Nico vorrebbe soltanto evitare altri problemi: quelli lui li conosce fin troppo bene. Basta poco per rendere i confini del loro rapporto indefiniti… È un’estate piena di musica e di magia quella che vivono, un’estate unica in cui tutto è possibile. Ma come in ogni sogno, dal quale prima o poi bisogna svegliarsi, Amelia e Nico dovranno decidere se la paura è più forte dei sogni che vogliono realizzare. La felicità è a portata di mano, devono solo trovare il coraggio di afferrarla…

Se hai un sogno devi proteggerlo. Se ami qualcuno devi inseguirlo.

APPROFONDIMENTO
Lavorare in una libreria mi porta a contatto con un’infinità di libri e di autori più o meno conosciuti, ho l’abitudine di leggere tutte le trame di quei libri che in qualche modo mi incuriosiscono, se non altro per poterli consigliare ai giusti clienti, perché non tutti riescono a percepire quel flebile richiamo che i libri emettono ogni volta che un “umano” gli passa vicino. Se a questa mia naturale curiosità sommate anche una serie di post sui social a firma di amici e conoscenti, ecco che vi è chiaro come io non abbia potuto resistere al richiamo di questa seconda avventura firmata Alessandra Angelini sugli amatissimi componenti dei Bad Attitude e tutto ciò che gli ruota intorno.
Mi sono immersa nel mondo di Amelia e Nico con un po’ di remore, primo perché, confesso il mio errore imperdonabile a cui sto ponendo rimedio, in primis non avevo letto il precedente volume Non dirgli che ti manca e poi perché l’intera storia è raccontata da entrambi i punti di vista dei protagonisti. Solitamente non amo questo doppio sguardo sulla storia, ma confesso che da subito l’abilità di Alessandra Angelini è stata evidente. Il racconto di Amelia e di Nico si intreccia in maniera molto armoniosa, se non fosse che l’autrice sottolinea con il nome del protagonista ogni cambio di narrazione quasi non si noterebbe tanto il ritmo e la scorrevolezza della storia resta fluida e coinvolgente. E poi, pur appartenendo a una serie, questo volume ha una dimensione tutta sua, con la sua coppia di protagonisti che riescono a farti conoscere il passato dei loro legami di gruppo anche se li stai scoprendo per la prima volta.
È stato semplice entrare nelle vite dei due protagonisti, con altrettanta semplicità ho iniziato ad amarli, affezionandomi quasi fossero amici che frequento ogni giorno e, proprio su quest’onda emotiva ogni avventura e disavventura capitasse loro era come viverla personalmente, così come diventava quasi impossibile per me non commentare tutto ciò che succedeva. Il legame d’amicizia da subito intenso tra Amelia e Nico che rapidamente si trasforma per entrambi in qualcosa di più nel momento in cui, per necessità, decido di condividere l’appartamento. La vita di entrambi è complicata, piena di paure e insicurezze, di dolori e cicatrici che hanno sempre tenuto nascosti al mondo intero ma che, lentamente, svelano l’uno all’altra e, quella naturale attrazione figlia di una profonda amicizia diventa rapidamente qualcosa di più intenso e coinvolgente. Sarebbe così facile lasciarsi andare a quel sentimento, ma c’è una splendida amicizia da difendere, e le paure tornano sempre più spesso a tormentare i due giovani cuori, e poi ci sono quelle situazioni di cui crediamo di non poter fare a meno, convinte che solo noi possiamo affrontarle, ed ecco che quell’unico vero legame sincero rischia di essere spazzato via, coinvolgendo anche tutti gli altri, quegli amici che ti conoscono e supportano da sempre ma, proprio come nella vita reale, è quando siamo a un passo dal perdere tutto che capiamo cosa vogliamo veramente, quanto ciò sia importante per noi, e allora non resta che fare una sola cosa, correre contro il tempo, inseguire quel sogno, quell’amore e sperare con ogni fibra del nostro essere di non aver impiegato troppo tempo ad ascoltare il nostro cuore.
La storia di Amelia e Nico è la storia che ognuna di noi potrebbe e vorrebbe vivere, a quindici come a quarant’anni, è semplice, pulita, in grado di sorreggerti e proteggerti, una storia che, anche nei momenti più bui riesce a farti pensare che tutto può essere superato. Alessandra Angelini ha l’abilità di riportare certi sogni che credevamo solo adolescenziali anche a noi che adolescenti non lo siamo più, almeno anagraficamente. Consigliatissimo per chi ama sognare ed emozionarsi a occhi aperti!

Hocus Pocus
Piper Demonia Hale

Post popolari in questo blog

Recensione: I Primi Tornarono A Nuoto di Giacomo Papi

Recensione: L'uomo del bene e del male di Giorgio Gavina

Recensione: Ancora un po' di Charlie di Melissa Pratelli