Recensione: Hergàstiul. L'albero del Mare di Ilaria Bellomo

TITOLO: Hergàstiul. L’albero del Mare
AUTORE: Ilaria Bellomo
EDITORE: Selfpublishing
PREZZO CARTACEO: € 8,83
PREZZO EBOOK: € 0,99 (gratis con Kindle Unlimited)
PAGINE: 217
GENERE: Urban Fantasy – Young Adult
DATA DI PUBBLICAZIONE: 10 maggio 2015
ISBN: 9781540481481
VALUTAZIONE: ♥ ♥ ♥ ♥

TRAMA
Anche se abbandonarsi alle sue emozioni sembra essere la cosa giusta da fare in quel momento, Lizzie si ritrova intrappolata in una visione fuori dai confini della realtà. Vede la figura sfocata di un ragazzo contorcersi e i suoi occhi neri tenebrosi la scuotono a tal punto da fuggire ancora una volta dai suoi sentimenti per Eric. Quando subentra la notte, è scossa da vividi incubi che le fanno incontrare Karpò, colei che sarà la sua gnoma protettrice, la quale la condurrà nei meandri del passato, in cui si combatteva una battaglia per il potere del trono di Hergàstiul, la terra d’origine di Lizzie. Nel momento in cui il sogno svanisce e Lizzie si accorge che Karpò è ancora lì con lei, scatta il panico. Si crede pazza e cerca di fuggire, ma la curiosità di scoprire il più possibile su quegli occhi neri che l’hanno trafitta, è più forte. La magia della gnoma la rende consapevole del mondo in cui è nata, e per Lizzie ha inizio un nuovo scopo: scoprire perché è stata costretta a vivere sulla terra, lontano dal suo pianeta natale. Scopre così di essere l’erede al trono e l’unica in grado di appropriarsi dell’albero del mare, un minerale molto potente che nelle mani di Màlcatraz, colui che ha ucciso il suo vero padre, può diventare pericoloso. Solo con le sette pietre entrate in possesso dei sette prescelti, l’albero può essere attivato, rivelando i suoi poteri. Lizzie è una di loro e tra i suoi compagni di viaggio incontra Kai, un tipo ambiguo e solitario che tende a nascondere la sua vera identità. Solo in seguito Lizzie capirà che entrambi sono la chiave del misterioso viaggio che li attende: il seme di un amore che non può sbocciare sarà il tormento più grande.

APPROFONDIMENTO
Era un po’ che non mi immergevo più in un fantasy e, confesso, ne sentivo veramente il bisogno! Ammetto che proprio questo bisogno quasi fisico ha portato le mie aspettative molto in alto, ma con estrema onestà posso dire che la penna, e la fantasia, di Ilaria Bellomo non mi ha minimamente deluso. Ho trovato la storia intrigante e molto accattivante, se poi aggiungete la scorrevolezza dello stile di scrittura ecco che vi sarà subito chiaro come sia praticamente difficile staccarsi dalla storia. L’inizio, apparentemente in bilico tra sogno e realtà è perfetto per creare quell’aura di confusione e curiosità che sarà poi il motore di tutta la storia, quando sarà chiaro che la giovane Lizzie non è ciò che ha sempre creduto di essere e non appartiene affatto alla Terra, i suoi dubbi, sulle proprie capacità, sulla nuova realtà mostratale da Karpò, la sua gnoma protettrice, saranno gli stessi che percepirà il lettore, così come le simpatie e le antipatie per i vari personaggi che accompagneranno Lizzie nella sua missione, a cominciare dal bello e misterioso Kai. Entrambi i ragazzi hanno un compito, sulla carta alleati, in realtà potenziali nemici, ma il destino e sentimenti che Lizzie non credeva di poter provare così intensamente interverranno a mischiare e confondere notevolmente le carte. Lentamente, mistero dopo mistero, intrigo dopo intrigo, riusciranno a capire quali sono realmente le poche persone di cui potranno sempre fidarsi, mentre il tenero sentimento che comincia a colmare i loro cuori lenirà le ferite, le delusioni inferte da insospettabili persone credute amiche.
Ilaria Bellomo, ha abilmente creato un mondo pieno di personaggi magici e affascinanti a cui è impossibile non legarsi, è riuscita a celare i migliori colpi di scena in modo da stupire e incuriosire ancora di più il lettore, portandolo quasi per mano a “divorarsi” l’intera storia. È notevole l’empatia che si instaura con i protagonisti, al punto quasi di sperare che le cose possano andare come noi vorremmo, o che magari i nostri pensieri possano raggiungerli affinché riescano a sfuggire ai tranelli e ai tradimenti. Hergàstiul – L’Albero del Mare è un libro che non smetterete mai di leggere e che, al tempo stesso non vorrete mai arrivare a voltare l’ultima pagina. Assolutamente consigliato a chi ama sognare con la mia, con mondi nuovi ed estremamente affascinanti!

Hocus Pocus
Piper Demonia Hale

Post popolari in questo blog

Recensione: I Primi Tornarono A Nuoto di Giacomo Papi

Recensione: L'uomo del bene e del male di Giorgio Gavina

Recensione: Ancora un po' di Charlie di Melissa Pratelli