Recensione: Times Infinity di Francesca Pace

TITOLO: Times Infinity
AUTORE: Francesca Pace
EDITORE: Bakemono Lab
COLLANA: Tanabata
PREZZO CARTACEO: € 12,00
PAGINE: 89
GENERE: Narrativa
DATA DI PUBBLICAZIONE: novembre 2016
ISBN: 9788894826012
VALUTAZIONE: ♥ ♥ ♥ ♥ ♥

TRAMA
Dopo uno spaventoso incidente Petra si risveglia nel letto di un ospedale, confusa e con il cuore schiacciato dall’ansia.
Desidera riabbracciare la sua migliore amica Chiara, con lei nello schianto e della quale non ha notizie.
Inseguendo questa necessità viene fagocitata, suo malgrado, da un vortice di ricordi e rivivendo i momenti più importanti della sua vita, arriverà a conoscere la verità.

APPROFONDIMENTO
Lo sapete, nella scelta di ogni libro che leggo o che, su richiesta, accetto di recensire, c’è sempre una grandissima componente d’istinto a guidarmi, che sia qualcosa nella copertina, una frase suggestiva della trama o la conoscenza, personale, dell’autrice. Ecco, questo può rischiare di diventare un problema, perché è fin troppo facile tramutare la semplice conoscenza, magari per mano dei social, in amicizia, soprattutto se l’autrice risponde al nome di Francesca Pace.
Per i pochi che ormai non sanno ancora chi sia, Francesca è una reale forza della natura, scrittrice, editrice, la DZ Edizioni è la sua creatura, moglie e madre, non solo di due bambini veri, ma anche di tutti i suoi splendidi autori, tanto da essere diventata per loro e per noi lettori semplicemente Mamma Dark. Ecco, con questa premessa, immagino che vi sarà chiaro perché, nel lungo viaggio di ritorno dal Salone Internazione del Libro di Torino, io, fra la marea di libri che mi sono portata via, ho scelto proprio questo piccolo volumetto, sapevo che sarebbe stata una lettura straordinariamente carica di emozioni e, da brava masochista, mi sono voluta fare del male.
Non fraintendetemi, il libro è meraviglioso, superlativo, ma il male che si rischia di farci, per chi vive tutto con il cuore, lanciando i propri sentimenti davanti a tutto, è quello di avvertire la storia sulla propria pelle, perché si, si tratta di Petra e Chiara, del loro legame, che va oltre la semplice amicizia, che è, sostanzialmente, un amore puro in grado di restarti accanto, avvolgerti, proteggerti, darti forza, in qualsiasi luogo e in qualsiasi tempo, insomma, un legame per la vita.
È chiaro fin dalle prime righe quanto la storia riuscirà a coinvolgere il lettore, durante ogni ricordo di Petra, ogni flash di vita vissuta al fianco di Chiara e anche di Andrea, l’amore della sua vita, le emozioni ti travolgono come delle onde che, pagina dopo pagina, si ingrossano, trasportandoti da un’iniziale confusione allo smarrimento quando la realtà dei fatti appare chiara, tanto alla protagonista quanto al lettore.
Ecco, questo credo che dovrebbe bastare a chiunque per essere preparati, ma, sulla carta anche io sarei dovuta essere piuttosto preparata, perché Francesca mi aveva avvisata, e se non fossero bastate le sue parole, la dedica, semplice e meravigliosa, che mi ha voluto lasciare avrebbe dovuto fare il resto, e invece no, non ero preparata, forse per il mio sangue metà calabrese e metà campano che fa di me una testaccia straordinariamente dura, o più probabilmente perché, mentre leggevo, i nomi di Petra e Chiara si confondevano, mutando in quelli di Antonietta, Adriana, Giusy, Luana, e quel motto che le protagoniste si ripetono da sempre, arrivando a tatuarselo sul braccio come marchio ancora più evidente del loro straordinario legame, quel “io e te, times infinity”, ha lo stesso sapore del nostro “always & forever”!
Questa lettura, così intensa e coinvolgente, nonostante la sua brevità, ha il potere di ricordarci, che se siamo fortunati, tra le tante conoscenze e amicizie, ne arriveranno alcune che avranno il dono, o il potere, di legarsi a noi, con una facilità, una intensità, impossibili da rendere a parole, amicizie che sapranno sostenerci, amarci, aiutarci, darci forza, anche se costretti a una lontananza fisica, e allora a quella amicizia possiamo anche dare il nome di sorellanza, con la certezza che non ci abbandonerà mai, che sarà con noi per la vita, e oltre.
Times Infinity… Always & Forever!

Hocus Pocus
Piper Demonia Hale
Antonietta Arcuri (Perché stavolta è la donna, l’amica, che recensisce e non la Strega Lettrice)

Post popolari in questo blog

Recensione: I Primi Tornarono A Nuoto di Giacomo Papi

Recensione: L'uomo del bene e del male di Giorgio Gavina

Recensione: Ancora un po' di Charlie di Melissa Pratelli