Recensione: Oscuri risvegli di Emanuela Riva

TITOLO: Oscuri Risvegli (vol. 2)
AUTORE: Emanuela Riva
EDITORE/COLLANA: Selfpublishing Amazon
PREZZO: € 9,16 (cartaceo) - € 1,49 (e-book)
PAGINE: 224
GENERE: Paranormal – Urban Fantasy
DATA DI PUBBLICAZIONE: 13 dicembre 2016
ISBN: 9781541065635
VALUTAZIONE: ♥ ♥ ♥ ♥ ♥


TRAMA
Non desideriamo tutti un lieto fine come succede nelle favole?

Dopo il tragico incidente all’ospedale, la vita di Emma viene stravolta da scoperte terrificanti e dall’incontro inaspettato con l’affascinante e misterioso Bastian. Emma è intenzionata a superare gli sconvolgenti avvenimenti con l’aiuto del fratello, ma l’abbandono del suo amato Adam mette a dura prova la sua stabilità e quella dei suoi poteri, che a causa di un marchio raffigurante una foglia di palma inciso sul suo ventre aumentano in modo esponenziale. Riuscirà Adam ad ottenere la sua vendetta nei confronti del ricercato Vittorio Neri e a dimenticare completamente colei che ha risvegliato il suo cuore? Nuovi incontri, oscuri risvegli e una devastante rivelazione che minaccia la salvezza della Terra mettono ancora una volta alla prova e in serio pericolo la vita di Emma e dei suoi amici.

APPROFONDIMENTO
Abbiamo lasciato Emma in ospedale, intenta, purtroppo senza riuscirci, a salvare la vita del suo più caro amico, Vins. Da quel momento, esattamente come per il primo libro, sarà tutto un susseguirsi di azione ed emozioni intensissime, con l’arrivo di nuovi misteriosi personaggi in grado di catturare, quasi contemporaneamente, la nostra simpatia/antipatia in base ai semplici gesti che compiono. L’incapacità di salvare la vita a Vins insieme all’improvviso e misterioso abbandono da parte di Adam, hanno gettato Emma in una spirale di dolore che diventa quasi autodistruttiva alla scoperta dell’inaspettata gravidanza e dell’apparente odio della dolce Miriam. Emma non si dà pace per quello che è successo, per la sofferenza e i pericoli a cui ha esposto i suoi amici, quelle persone che per lei contavano di più, e si sa, in momenti come questi può capitare di tutto. Così quando si ritrova involontariamente in pericolo, entra nella sua vita un bellissimo e misterioso ragazzo che sembra quasi riuscire a riaccendere quella scintilla nel suo cuore che solo Adam sembrava riuscire ad alimentare. Anche Bastian, come Adam a suo tempo, sembra riuscire ad apparire e scomparire nei momenti più assurdi, attraendo Emma oltre ogni limite. Grazie a lui troverà lavoro alla biglietteria del circo di cui Bastian fa parte, e ad Emma sembrerà quasi di aver trovato una nuova famiglia, ma i pericoli e i nemici sono in agguato, dietro l’angolo. Strani incidenti sembrano infestare la nuova vita di Emma, insieme alla sua crescente incapacità di controllare i suoi poteri, anche in seguito allo strano marchio a forma di foglia di palma che le compare, inciso sul ventre. L’assenza di Adam scava un vuoto che Bastian sembra quasi riuscire a riempire, subdolamente, arrivando a cancellare ogni ricordo dell’uomo e dei sentimenti che lei nutriva per lui. Bastian però non è l’unico essere interessato ad Emma, perché improvvisamente gli incubi sono tornati, ma stavolta sono diversi, stavolta parlano di essere, misterioso e inquietante, che giura alla piccola bambina che staranno sempre insieme. Chi è quell’essere? Qual è il suo legame con Emma? E soprattutto cosa desidera da colei che in sé il sangue di Dio?
Ancora una volta, esattamente come per Una scintilla nell’oscurità, Emanuela Riva ha costruito una trama avvincente ma soprattutto convincente! Se, con il primo libro, è riuscita ad evitare una trama scontata con protagonista l’ennesimo spietato vampiro, è con questo secondo volume che rende tutto più accattivante, svelando particolari, legami, reali identità assolutamente insospettabili. Quando pensi di aver capito, pensi di riuscire ad anticipare la successione degli eventi ecco che una nuova rivelazione arriva a sconvolgere tutto! Personalmente ho adorato Adam nel primo volume e ancora di più in questo, ma non è l’unico personaggio a cui improvvisamente ci si ritrova un po’ più legati di come li avevamo lasciati: Alex, Miriam e perfino Vins riusciranno a conquistarvi ancora di più. Dopo Una scintilla nell’oscurità è impossibile non divorare Oscuri risvegli, non solo perché difficilmente è consigliabile abbandonare una saga al primo volume, ma principalmente perché non si può proprio fare a meno di andare avanti, in attesa del volume conclusivo a cui l’autrice, per la nostra gioia, sta già lavorando.

Hocus Pocus
Piper Demonia Hale

Post popolari in questo blog

Recensione: I Primi Tornarono A Nuoto di Giacomo Papi

Recensione: L'uomo del bene e del male di Giorgio Gavina

Recensione: Ancora un po' di Charlie di Melissa Pratelli