Recensione: 31 Notti di Ignacio Escolar

TITOLO: 31 Notti
AUTORE: Ignacio Escolar
EDITORE/COLLANA: Marco Y Marcos/Gli Alianti
PREZZO: € 14.00
PAGINE: 154
GENERE: Giallo - Thriller
DATA DI PUBBLICAZIONE: 30 ottobre 2014
ISBN: 9788871687025
VALUTAZIONE: ♥ ♥ ♥ ♥ ♥


TRAMA
31 Notti è un romanzo da servire freddo che scivola veloce nella gola e poi infiamma.

Un cavalluccio marino tatuato sulla natica sinistra, gli occhiali da secchiona che si infila in ginocchio sul bordo del letto: è per Vicky che sei lì, incollato al bancone della discoteca Premium, a far tintinnare il ghiaccio nel gin tonic alle tre del mattino. E tu vuoi farmi credere che stai lavorando, che hai l’idea giusta per svoltare: scrivere uno scoop sul narcotraffico che incendia le notti di Madrid? Per certe cose amico bisogna esserci tagliati. Come Velasco, che ti può sembrare inoffensivo finché non gli viene quel tic all’occhio sinistro. Come Alek, che ha chiamato Sorcio il suo gatto e se lo porta in giro nella tasca del giubbotto antiproiettile. Ma tu, con una moglie, due figli, un mutuo su un appartamento in Calle del Sodio e una Mégane che gratta quando metti la quarta, non ci arrivi, che stai facendo una cazzata in mondo visione? E dire che l’avevi ben visto il bidone di acido solforico in mezzo a quella stanza.

APPROFONDIMENTO
Un’estate bollente a Madrid, ben 31 notti vissute ad alta intensità, sempre sul filo del rasoio, soprattutto per il nostro protagonista, il “giornalista”, come lo chiamano Alek e Velasco per l’intero libro.
Giornalista per passione, sogna il grande scoop che possa fargli fare carriera, visto che la redazione per cui lavora è sempre più in crisi, ed è costretto ad accettare il turno di chiusura se non vuole ritrovarsi senza lavoro.
Proprio questa sua ricerca lo porterà involontariamente a diventare un informatore, quasi un infiltrato, delle forze dell’ordine all’interno della discoteca Premium, che frequenta ormai ogni notte e dove, la notte in cui assiste a una violenta sparatoria all’ingresso, ha stretto amicizia con due strani figuri: Alek, capo della sicurezza, e Velasco, ex socio di Alek e agente di polizia.
In commissariato, mentre aspetta di essere interrogato, il nostro “giornalista” è combattuto se confessare tutto quello che sa dei suoi loschi amici e dei frequentatori della Premium, oppure fingersi estraneo a ogni cosa; questa sarebbe sicuramente la scelta migliore, visto anche il coinvolgimento di Velasco, eppure l’agente che raccoglie la sua deposizione riesce a convincerlo a collaborare.
Ecco che il suo cellulare diventa una perfetta microspia in grado di ascoltare tutto e di segnalare sempre dove si trova. Un modo tranquillo per tenerlo al sicuro, ma quando un poliziotto come Velasco è sempre più coinvolto con la malavita, queste misure possono non essere abbastanza, allora non resta che confessare ciò che ha scoperto nei pochi momenti in cui il cellulare non era con lui.
Ecco che, forse, possiamo scrivere la parola fine. Ma lo è veramente? O forse, molto più semplicemente ci ritroviamo di fronte a un bivio tra una tragica fine e un nuovo inizio?
Scritto in maniera egregia, scorrevole, assolutamente incalzante, 31 Notti è un libro che veramente si beve in poco tempo, e non perché manchi di quella mole interminabile di pagine che ci si aspetterebbe da certi thriller, ma semplicemente perché Ignacio Escolar è un mago in grado di risucchiarti nelle sue pagine e farti provare sulla tua pelle l’intensità delle sue avventure.

Hocus Pocus

Piper Demonia Hale

Post popolari in questo blog

Recensione: I Primi Tornarono A Nuoto di Giacomo Papi

Recensione: L'uomo del bene e del male di Giorgio Gavina

Segnalazione: I doni delle fate - Cronache dal mondo perduto di Valeria Chiaradia